Motospia

Lo scooter elettrico Yamaha E01 sarà presto una realtà Depositati i brevetti con tante innovazioni

E01

Lo scooter Yamaha E01 presentato al Salone di Tokyo del 2019 come prototipo, sarà presto una realtà. Yamaha ha depositato una serie di brevetti con almeno 5 innovazioni che applicherà su questo scooter.

L’E01, il prototipo di scooter elettrico che Yamaha presentò ad ottobre 2019 al Salone di Tokyo, sarà il modello di produzione con motorizzazione elettrica più impressionante di Yamaha. I dettagli del design della versione definitiva sono stati rivelati attraverso una serie di nuove domande di brevetto da parte dell’azienda di Iwata.

E01

Yamaha sta cercando di ottenere i diritti su almeno cinque diverse innovazioni che mirano a portare tutti i vantaggi della propulsione elettrica riducendo al minimo i noti svantaggi.

L’ E01 (probabilmente avrà lo steso nome del prototipo del 2019 poiché Yamaha ha già registrato il marchio), sarà immediatamente riconoscibile. I brevetti dimostrano infatti che la forma e lo stile della concept bike sono stati mantenuti, anche se si nota qualche piccolo ritocco attorno alla sella.

Laddove l’intera coda della concept bike era ricoperta da tessuto, la versione finale presenta pannelli di plastica più convenzionali, con in più le maniglie del passeggero integrate nella carrozzeria.

I brevetti mostrano che Yamaha ha fatto uno sforzo particolare per massimizzare lo spazio sotto la sella. Il motore elettrico è montato leggermente sopra e dietro il pignone, azionato tramite un riduttore. E uno dei brevetti dell’azienda riguarda i dettagli dei supporti del motore, progettati per liberare spazio sotto la sella.

E01

Il resto dell’elettronica è montato davanti al motore e alla trasmissione. Direttamente davanti al motore si trova il regolatore di velocità, raffreddato tramite un tubo dedicato che canalizza l’aria da dietro la ruota anteriore. Di fronte a questo si trova il pacco batteria e l’elettronica.

Anche la batteria stessa è soggetta a domanda di brevetto. È inserita in una custodia di plastica e fissata in modo permanente al telaio tubolare in acciaio dal basso.

 

© 2021, MBEditore, riproduzione riservata.

Vuoi saperne di più? Di' la tua!

SCRIVICI

    acconsento al trattamento dei dati presenti nel form di contatto