Motospia

Vittorio Sgarbi ci vuole insegnare i valori della vita Un post fuori luogo sulla morte di Jason Dupasquier

Sgarbi

Vittorio Sgarbi ama navigare nelle polemiche. Ne ha fatto uno stile di vita. E alle polemiche deve probabilmente le sue fortune parlamentari. Ma stavolta avrebbe fatto meglio a stare zitto…

Vittorio Sgarbi, il noto “tuttologo” che da anni naviga gongolando in ogni possibile polemica, politica e sociale, ha pubblicato un post su Facebook nel quale si chiede se valga la pena mettere a rischio la propria vita per correre in moto.

«Mi chiedo che senso abbia praticare sport in cui si mette continuamente a rischio la propria vita e quella degli altri. Una competizione non può diventare una sfida alla vita. A quali princìpi s’ispira uno sport del genere? Però qualcuno non vuole il Palio di Siena per non mettere a rischio i cavalli. I ragazzi sì, i cavalli no?“.

sgarbi

Insomma, il buon Vittorio, accorgendosi del nostro sport — come tutti i non appassionati del resto — solo quando accade una tragedia, ci vuole dare una lezione di vita. E chiosa — proprio lui?!?!? — sui valori della vita.

Un uomo che nel curriculum personale ha in bella evidenza tanti disvalori, un uomo che ha fatto della mancanza di rispetto per gli altri — e per le istituzioni — una bandiera (vedi le ignobili gazzarre in parlamento), un uomo che ha elargito a piene mani i peggiori esempi di stili di vita e di valori sociali, approfitta della morte di un giovane  motociclista che inseguiva i suoi sogni in sella alla sua passione per mettersi in mostra e dare ancora lezioni di vita… La sua vita…

Non abbiamo bisogno dei “suoi valori”. E non pretendiamo che capisca i nostri. Piuttosto, si dia da fare per guadagnarsi il “nostro” stipendio… Grazie.

Signor Sgarbi, grazie, i motociclisti non hanno bisogno di persone ignoranti — nel senso di persone che non conoscono ciò di cui parlano — che si permettano di entrare a gamba tesa nel nostro mondo proprio in questi momenti di lutto.

Il nostro, signor Sgarbi, è un mondo diverso dal suo. Amiamo questo sport in ogni suo aspetto. E ogni volta che saliamo in moto, in pista, sappiamo a cosa andiamo incontro. E i valori che questo sport ci insegna, signor Sgarbi, lei non potrà mai capirli. Ma il fatto che lei non li possa mai capire, non le dà il diritto di metterli in dubbio. Nè di considerarli inferiori ai suoi.

Piuttosto, signor Sgarbi, in quanto parlamentare, lei dovrebbe avere ben radicato il valore di lavorare per la nostra sicurezza quando guidiamo su strada. Si è mai occupato di questo? Ha mai avuto a cuore questo problema? SI è mai occupato dei mille rischi cui andiamo incontro ogni giorno quando guidiamo su strada perché NON CONSIDERATI dai parlamentari come lei?

Ecco, PER FAVORE, si occupi prima di un importante valore della vita (lavorare per ciò per cui si è pagati) e dopo, ma solo dopo, si permetta di chiosare su un mondo che non conosce.

Grazie

© 2021, MBEditore, riproduzione riservata.

Vuoi saperne di più? Di' la tua!

SCRIVICI

    acconsento al trattamento dei dati presenti nel form di contatto