Motospia

Sfida SR4: il primo scooter VOGE sfida la città (e ci ricorda qualcuno)

Mostrato ad EICMA 2022, lo Sfida SR4 è il primo scooter del marchio VOGE, che dalla Cina continua il suo attacco al mercato italiano. Dotazione all’avanguardia e con un design europeo, ricorda molto un modello di altri made in Japan. Riuscirà a conquistare il popolo dei pendolari urbani con il suo pacchetto ipertecnologico?

Si chiama Sfida, nomen omen

Arriva finalmente nei concessionari Sfida SR4, il primo scooter del marchio VOGE. Sempre più conosciuto da noi per le motociclette (una naked, una adventure ed una scrambler), il brand della cinese Loncin prova a intercettare il popolo dei pendolari cittadini con il primo scooter della gamma. Il primogenito si è svelato in veste definitiva a EICMA 2022. Accolto con curiosità, piace per le sue linee e per le dotazioni tecniche di serie.

Sfida SR4, il primo scooter di VOGE

Probabilmente ha nel mirino l’XMAX di Yamaha

Sfida SR4 di VOGE ha un design europeo (realizzato nella Motor Valley italiana), da tourer di lusso. Il posteriore ha un aspetto più affilato, sportivo e agile mentre davanti è più imponente e dalle linee meno aguzze. Punta tutto sulla agilità e sulla guida veloce in città, facilitata anche dal motore monocilindrico da 350 capace di erogare 29 CV e parco nei consumi (intorno a 28 km/l). Grazie al contralbero di bilanciamento e agli attacchi del motore con smorzatori le vibrazioni sono ridotte al minimo, mentre la trasmissione a variazione continua rende la potenza erogata fluida e lineare a qualsiasi velocità. Lo Sfida SR4 va ovviamente a caccia in uno stagno molto affollato, dove in quella fascia di cilindrata ci sono altri contendenti con blasone e performance di tutto rispetto. Un obiettivo a caso? Yamaha XMAX 300, a cui oggettivamente assomiglia molto (e che costa quasi 300 euro in meno).

Dotazione ricca, c’è anche la dashcam

VOGE Sfida SR4
Molto curata la parte tecnologica, da scooter premium

Nonostante la ciclistica sia degna di nota (ha anche il doppio ammortizzatore regolabile al posteriore) e il confort sia molto buono anche nell’uso intenso grazie al doppio sedile con il supporto lombare, è la tecnologia di bordo ad attirare l’attenzione. C’è il display TFT da 7” (con cui controllare anche le 2 modalità di visualizzazione ECO/SPORT), la connessione bluetooth allo smartphone e agli auricolari e l’accensione keyless. Non solo confort e praticità, offre anche il controllo di trazione TCS, il sistema antibloccaggio ABS e il monitoraggio della pressione degli pneumatici in tempo reale. Immancabile ormai la presa USB nel vano portaoggetti, mentre il sottosella ha una capacità da 41,5 litri (ci stanno un casco integrale e un jet). Infine, lo Sfida SR4 è dotato anche di una videocamera integrata nello scudo che può ospitare una scheda di memoria Micro SD. Memorizza video e foto con un semplice click dal gruppo comandi, ma più che per dei contenuti da social media di voi che piegate sul passo della Raticosa ci sembra più utile come dashcam (poco diffusa ma utile se qualcosa va storto e bisogna fare una constatazione).

Sfida SR4 è già disponibile al prezzo di €6.590 (franco concessionario), ma non fatevi ingannare dal sito. Il bel colore blu elettrico delle fotografie non c’è, si può solo ordinare in Sparkling Black.

© 2022, MBEditore - TPFF srl. Riproduzione riservata.


Vuoi saperne di più? Di' la tua!

SCRIVICI

    acconsento al trattamento dei dati presenti nel form di contatto