Motospia

Lettera aperta dal CER alla Federazione Motociclistica. Per un fuoristrada legale La lettera aperta da uno di noi, Davide Rota, Presidente del CER Lombardia, che invoca una maggiore attenzione nell'esercizio del fuoristrada. Soprattutto quando a farlo sono Motoclub, quindi federati FMI.

CER

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera ricevuta da Davide Rota, Presidente del CER Lombardia

Una moto da cross.

Un sentiero innevato in un bosco.

Un moto club.

Questi i protagonisti di della vicenda che sta scaldando gli animi sui social, dove molti si indignano, ma tanti altri, gridano entusiasti della performance dell’abile crossista.
CER

Nulla da dire, se non i complimenti a come guida la moto, ma il mezzo e il luogo non sono quelli corretti.

Molte realtà stanno combattendo contro il mal costume di girare con moto non omologate, ma questa abitudine è sempre più dura a morire, e se troviamo anche molti incoscienti ed irresponsabili che difendono questi atti, non abbiamo molto da stare tranquilli.
Le associazioni anti moto, non aspettano altro che intercettare questi blog o questi video, per poi ricamarci sopra qualsiasi accusa contro di noi. Se poi addirittura i MC, che dovrebbero essere sorvegliati speciali, e avamposti della legalità, si permettono di diffondere queste bravate, ci chiediamo, ma dove e’ la Federazione?
Forse è troppo impegnata nelle competizioni per osservare e tenere a bada i suoi affiliati, sempre che questo sia tra i loro, ma ricordo che la Federazione, dovrebbe avere  il compito di riunire tutte queste realtà.
Ricordiamo che i vari CER regionali, combattono questa tipologia di comportamenti, e cercando di diffondere un messaggio di legalità e di rispetto delle norme del Codice della della Strada.
Ed è la stessa norma che regolamenta la circolazione a offrirci la possibilità di endurare. Paragonando i sentieri alle strade, è quindi lecita la circolazione, se non espressamente vietata con appositi segnali di prescrizione, emessi e installati dal proprietario della strada.

Ma se da un lato vogliamo il CdS ci venga incontro, dall’altro dobbiamo offrire il fianco e circolare con moto omologate.

E non è forse il caso, di richiedere un collaudo anche di chi le guida le moto, se i veicoli ogni 4 anni dalla prima immatricolazione e poi da due, sono da collaudare presso Officine autorizzate per verificarne il corretto funzionamento?

Vuoi saperne di più? Di' la tua!

SCRIVICI

    acconsento al trattamento dei dati presenti nel form di contatto