Motospia

Il Forcite MK1 arriverà in Europa nel 2021 Il casco “intelligente” con action Cam integrata

forcite MK1

Lanciato nel 2020 in Australia con una serie limitata di 1.000 pezzi andati subito esauriti, il Forcite MK1, primo casco con action cam integrata, potrebbe arrivare presto in Europa. 

Quattro mesi fa  vi abbiamo presentato il Forcite MK1, il casco intelligente in fibra di carbonio con action cam integrata prodotto in Australia. La notizia è che presto potrebbe arrivare in Europa. Finora, la Forcite era nota per i suoi caschi da snowboard intelligenti. Ma ha trovato un nuovo filone con i motociclisti. Ricordiamo che oltre alla action Cam il casco include tutta una serie di funzioni intelligenti (avvisi luminosi di vario tipo che possono essere attivati collegandolo allo smartphone via Bluetooth. Grazie ad un auricolare integrato, è possibile trasmettere al pilota chiamate, musica o altri comandi.

forcite MK1

Inoltre, il produttore con sede a Sydney ha fornito al Forcite Mk1 alcuni sensori aggiuntivi (giroscopio, barometro, accelerometro, altimetro) che possono essere utilizzati per registrare il comportamento di guida. In connessione con la propria app per smartphone, i conducenti possono richiamare e analizzare vari dettagli sui loro ultimi viaggi. Secondo il produttore, l’app dovrebbe essere in grado di analizzare le preferenze del pilota in base alle rotte percorse e suggerire nuove rotte adeguate. L’app dispone anche di un proprio sistema di navigazione basato su Google Maps.

forcite MK1

La calotta esterna della Forcite Mk1 è interamente realizzata in carbonio. È omologato secondo lo standard ECE 22.05 che è ancora applicabile in Europa. Pesa circa 1.500 grammi (+/- 50 g). La taglia XL pesa circa 1.630 grammi. Sono incluse anche otto prese d’aria di ventilazione, un dispositivo Pinlock e una visiera parasole.

Costa l’equivalente di oltre 800 Euro. 

Il Forcite Mk1 costa attualmente 1.299 Dollari australiani, che è l’equivalente di circa 825 Euro. La prima serie limitata di 1.000 caschi riservati all’Australia è andata esaurita, tanto che ora l’azienda ha messo in produzione un ulteriore lotto di 300 pezzi riservato al Paese d’origine. Poi è previsto lo sbarco in Europa e USA.

Vuoi saperne di più? Di' la tua!

SCRIVICI

    acconsento al trattamento dei dati presenti nel form di contatto