Motospia

Sipario su EICMA 2022, le sorprese inaspettate 470.000 visitatori hanno animato il Salone della moto di Milano, il più importante evento mondiale dedicato alle due ruote

Le soprese della Fiera

Va in soffitta EICMA 2022 con le sue soprese. Quest’anno la fiera è stata un grande successo di pubblico (+38% rispetto al 2021). Fa piacere vedere di nuovo i motociclisti e gli aspiranti tali accalcarsi nei padiglioni della fiera, che quest’anno ha certamente soddisfatto le aspettative. Ecco moto e scooter che ci hanno colto di sorpresa e ci sono piaciuti, senza scomodare i grandi (e scontati) protagonisti della kermesse.

Le soprese della Fiera
La Limited Edition Bukk di Cake

Cake, l’elettricità si fa furba

Le motociclette e gli scooter di Cake hanno già fatto capolino da un po’, che si tratti di fiere come EICMA o il Petersen Museum di Los Angeles. Ma ora che la gamma si è allargata ci aspettiamo di vederle sempre più spesso anche in strada. Che si tratti degli scooter super cittadini Makka e Ösa, del furetto da cross Kalk o della quasi specialistica da trial in edizione limitata Bukk (solo 85 kg, promette bene in mulattiera) queste due ruote convincono per un motivo su tutti. Non fanno per nulla finta di essere convenzionali, riconosci che sono elettriche lontano un miglio. Sono svedesi, la battuta sulla parentela con l’Ikea è scontata. Però se ti fermi un secondo a guardarle capisci che la filosofia è proprio quella: senza fronzoli, super gradevoli da guidare e stilisticamente minimaliste, come tutto quello che ha successo negli anni Venti di questo secolo.

Dagger, la roadster da miliardari di Brough Superior

Diciamoci la verità, la storia che le Brough Superior sono le motociclette di Lawrence D’Arabia non fa vendere neppure una moto. Scherzi a parte, con un prezzo di cartellino da “Rolls Royce delle moto” è difficile

Le soprese della Fiera
Bella e impossibile, è la Dragger di Brough Superior

trovarne una davanti al pub o nel parcheggio del baretto sul passo della Futa. E stesso destino avrà probabilmente anche la Dagger, l’ultima arrivata della casa. Si tratta di una roadster col telaio in titanio, un motore rabbiosissimo a V di 90° da 1.000 cc e forcelle e monoammortizzatore ricavati dal pieno. È tutto fantastico, fino quando non ti spiegano che il prezzo (non ancora diffuso) sarà simile a quello delle sorelle già in commercio. Ovvero più di 70.000 euro, che smontano qualsiasi entusiasmo. Follia, nonostante la qualità e la lussuosità di materiali e soluzioni. Bellissima, ma rimane un animale da fiera.

Eureka, il retrofit geniale di Pinasco

Le soprese della Fiera
Il kit retrofit elettrico per Vespa di Pinasco. Pedivella (finta) a parte, è già la versione definitiva

Tra le sorprese di EICMA 2022 c’è anche qualcosa per gli amanti delle moto d’epoca. Lo stand è sempre lo stesso, le persone sono sempre le stesse e gli adesivi sono sempre gli stessi. È il mondo giallo di Pinasco, leggenda delle parti racing per Vespa e ciclomotori. Ma guai a pensare che si tratti di un’azienda morta. E infatti Giorgio Bettella e collaboratori portano in fiera la novità elettrica più interessante, ovvero un kit per il cosiddetto retrofit elettrico della Vespa classica. Un mercato agli albori che tanti aggrediscono, ma Pinasco lo fa con 4 marce in più. Quelle del cambio dello scooter eterno di casa Piaggio, che rimane al suo posto. Il kit prevede infatti solo la sostituzione dell’albero motore con uno elettrico, lasciando tutto il resto del motore e il cambio originali. Il risultato è una 50 Special che cambia come la cara vecchia Vespa, fa un po’ di rumore (quello degli ingranaggi) e soprattutto è sostenibile e a prova di limitazioni del centro storico. Una bellissima idea, che riempirebbe di nuovo le nostre città di Vespette colorate anni Sessanta e Settanta. Se solo le quotazioni delle vecchiette non fossero ormai alle stelle da anni. Certamente una delle soprese più interessanti e nascoste di EICMA 2022

 

Super Meteor, anche la cruiser Royal Enfield tra le soprese di EICMA 2022

Le soprese della Fiera
La Super Meteor 650 di Royal Enfield

Lo avevamo in parte previsto: anche quest’anno la casa di Chennai ha sfruttato la cornice di EICMA per un lancio. Si tratta della Super Meteor 650, la nuova cruiser bicilindrica che vedremo in concessionaria questa primavera. Il motore è quello delle twin Interceptor e Continental GT, ma le somiglianze finiscono qui. Tra le novità, ad esempio, la forcella anteriore a steli rovesciati, una prima volta per Royal Enfield. Oltre che alla sorellina minore da 350 cc, il nome rimanda a un modello RE degli anni Cinquanta, pensato soprattutto per il mercato americano in cui gli inglesi collaboravano con Indian. Qualche traccia di quell’amicizia si vede nel logo sul serbatoio, che un po’ di affinità con gli stilemi del marchio custom di Polaris ce l’ha.

Ampelio, lo scooter Kymco coi badge di Schiranna

Le soprese della Fiera
Ampelio, l’unica MV Agusta ufficiale di Eicma 2022

Un applauso agli uomini del marketing di Kymco, che per dare un po’ di tono allo stand in EICMA decidono di esporre uno scooter… MV Agusta. È infatti Ampelio, il primo scooter elettrico della casa varesina, a dare lustro allo spazio in fiera del produttore asiatico. Lo scooter nasce infatti da una collaborazione dei due brand sulla piattaforma S7, presentata da Kymco in fiera lo scorso anno. 5,6 cv da “scaricare” su strada tramite due distinti riding mode e 85km/h di autonomia, lo scooter di Schiranna punta a essere una soluzione eco-chic per chi vuole andare in ufficio sentendosi tra un semaforo e l’altro come su una MV Superveloce. Se state per dire che uno scooter MV Agusta è un sacrilegio fermatevi, la figuraccia è dietro l’angolo. Agli esordi infatti la casa produceva anche scooter e Ampelio mostra infatti qualche curva e stilema di vecchi modelli come il Chicco degli anni Sessanta. Ma in tutto questo, chi è il vero vincitore? Il patron di MV Agusta Timur Sardarov: ha clamorosamente snobbato EICMA (la casa di Schiranna non aveva lo stand e ha concentrato tutte le attività al nuovo flagship store nel centro città) e nonostante questo è riuscito a prendersi tutti i riflettori allo stand Kymco per la mezz’ora di presentazione alla stampa dello scooter.

 

© 2022, MBEditore - TPFF srl. Riproduzione riservata.


Vuoi saperne di più? Di' la tua!

SCRIVICI

    acconsento al trattamento dei dati presenti nel form di contatto