Motospia

Un nuovo logo per Kawasaki Vento di cambiamenti per lo storico marchio nato nel 1878 ad opera di Shozo Kawasaki

Nuovo logo kawasaki

Nella recente conferenza stampa tenutasi a Tokyo, il nuovo presidente  Hiroshi Ito ha presentato le prossime novità per il marchio giapponese, a partire dal logo che, in realtà, è una stilizzazione dell’ideogramma giapponese della parola fiume (river), apparso per la prima volta nelle bandiere delle navi di proprietà di quella che divenne una vera e propria industria, la Kawasaki Heavy Industries.

Nuovo logo kawasaki

Il River Mark (il nuovo logo) riassume perfettamente quella che, in Kawasaki, dichiarano essere la loro missione aziendale, cioè lavorare per la felicità e la gioia di tutti coloro le cui vite Kawasaki tocca (“Working for the happiness and joy of all those whose lives Kawasaki touches”). E lo slogan “Let the good times roll”, invita proprio a sfruttare lo slancio dei momenti belli della vita dichiarando al mondo intero “divertiamoci”.

Ovviamente il nuovo logo è solo il simbolo della neo costituita Kawasaki Motors, Ltd. che si concentrerà sulla produzione di veicoli a due ruote, moto d’acqua, veicoli fuoristrada a quattro ruote e motori in generale con l’attenzione principale rivolta all’ambiente, che porterà al carbon neutral, cioè alla produzione di veicoli ad emissioni-zero.

lineup Kawasaki 2021

Attraverso l’individuazione di aree premium sulle quali concentrare le attenzioni, la transizione ecologica avverrà con l’introduzione di una media di 16 nuovi modelli per anno entro il 2025, con almeno 10 solo elettrici o ibridi. Tra le novità, compare anche il prototipo di una moto basata sul propulsore della Ninja H2, alimentato ad idrogeno, mentre, entro il 2035 si procederà alla conversione dei modelli di maggiore diffusione.

Ninja h2 idrogeno

Fulcro della nuova società, che garantirà reazioni rapide alle esigenze di mercato, sarà l’attenzione alla sostenibilità ambientale (puntando all’elettrico /ibrido), lo sviluppo di tecnologie complementari come l’intelligenza artificiale, i radar per la sicurezza attiva, le interfacce che permettono ai dispositivi dei clienti di  connettersi con i propri mezzi anche attraverso il cloud e l’intensificazione della tecnologia Digital Twin SImulation, una piattaforma di modellazione 3D per velocizzare lo sviluppo della creazione di nuovi modelli di veicoli, robot e motori.

nuovi negozi

Nei nuovi piani c’è anche l’idea di creare negozi che dovranno offrire un’esperienza da “provare con i 5 sensi” offrendo prodotti e accessori che portino avanti il concetto di eredità storica ed innovazione.

Un aspetto molto interessante che riguarda noi italiani è l’intenzione di continuare ad investire nel nostro brand di lusso bimota, collaborazione che ha già permesso di produrre la splendida Tesi-H2.

bimota-kawasaki

Non resta che attendere  per vedere se e come questo processo di trasformazione per ridurre l’impatto delle emissioni attraverso l’elettrificazione totale o parziale (ibride) impatterà nel cuore degli appassionati anche dei mezzi a due ruote, dove il rombo del motore è sicuramente più di un semplice “rumore”.

E, di certo, un nuovo logo è probabile che non sia sufficiente a far cambiare loro idea.

Stay Tuned!

Vuoi saperne di più? Di' la tua!

SCRIVICI

    acconsento al trattamento dei dati presenti nel form di contatto