Motospia

20.000 pieghe, 1000 sassi, trofeo italiano amatori. What else? Intervista a Daniele Alessandrini, organizzatore di grandi eventi a due ruote.

Tutte le emozioni che vuoi: 20.000 pieghe, 1000 sassi, trofeo italiano amatori.

Eventi che emozionano al solo pensiero di partecipare. Nomi che evocano competizione, curve, sfide.

Ma anche rispetto, amicizia, convivialità.

 

Eventi. La passione per le due ruote è fatta di mille sfaccettature. Da chi ama la moto per vivere nella giungla urban, a chi la vive per macinare chilometri di turismo, a chi, invece, vuole sfrecciare veloce come il vento.

C’è una persona, nel panorama motociclistico italiano, che ha saputo cogliere tutte le tendenze e offrire agli appassionati eventi ben strutturati che sanno appagare ogni desiderio. E con Daniele Alessandrini abbiamo fatto dunque una lunga chiacchierata per scoprire le sue manifestazioni e cosa le rende così uniche.

Un colloquio ricco di spunti, dove la passione e l’ orgoglio per ciò che si è creato per i motociclisti si mescolano nella voce di questo poliedrico appassionato delle moto.

 

Parola chiave per gli eventi: Passione

Amare quello che si fa ed essere fortunati. E poi da lì iniziare a lavorare sodo per farlo diventare realtà. Questi eventi non nascono per caso o per improvvisazione. Daniele ci racconta che a 40 anni, stanco della sua vita quotidiana, molla tutto e si getta anima e corpo nel realizzare un sogno a due ruote.

Obiettivo: far avvicinare i motociclisti al mondo delle due ruote con eventi che offrano qualcosa che ancora manca.

Non è certo facile creare qualcosa, servono tempo e impegno per superare tutti gli scogli, anche economici. Dedizione e volontà per non arenarsi. Riprende in mano la moto, apre un suo motoclub (motolampeggio), porta gli amici in pista.

E qui si accorge che nel panorama italiano c’è una carenza: o sei un professionista, oppure non esistono gare dove chiunque possa partecipare. E così Daniele si inventa il Trofeo Italiano Amatori.

Eventi. Il Trofeo Italiano Amatori

Oggi com’è il Trofeo Italiano Amatori? Daniele ci risponde orgoglioso: “È’ il trofeo più partecipato al mondo per le classi 600 e 1000, con mediamente circa 200-250 iscritti ad ogni gara.

Un grande evento che da 18 anni permette a tutti di avvicinarsi al mondo delle gare in pista. La grande possibilità che offre questo Trofeo è quella di non essere obbligati a fare tutti ed otto i Round previsti (8 gare in totale su 5 differenti circuiti), ma si può partecipare anche ad un numero ridotto di gare. Innovative proprio in quest’ottica le formule Rookie Challenge, una sorta di “mini-trofei”, nate due anni fa.

D’ altra parte scopo del Trofeo Italiano Amatori è quello di permettere a piloti amatori di farli correre sui più prestigiosi circuiti italiani “alcuni del mondiale” confrontandosi con altri riders che hanno caratteristiche di guida e tempi sul giro simili tra loro.

Ed ecco quindi un evento ideale per gli amanti della pista e della competizione che qualsiasi motociclista può tagliare su sé stesso, sia a livello economico che di gestione del proprio tempo. Un’ occasione che nessun appassionato delle gare in pista può perdere.

 

Non solo pista: Gran turismo

Non contento di ciò che già aveva creato, in Daniele Alessandrini nasce l’idea di cucire addosso agli appassionati del mototurismo un evento a loro dedicato. Si mette a tavolino, forte della sua esperienza motociclistica. Pianifica rotte ed itinerari in un percorso armonico, dove strade ricche di curve ma poco conosciute si raccordano le une alle altre ubriacando di piacere il motociclista.

Dalla 5.000 pieghe Winter alla Genova-Palermo, in questi anni l’offerta in parallelo alla pista del motoclub Motolampeggio si amplia ad un pubblico che ama la moto per viaggiare e scoprire.

Fiore all’ occhiello è la nascita della manifestazione 20.000 Pieghe, che quest’anno giunge alla sua XIII edizione.

Ma come nasce quest’ idea? “La mia più grande vocazione non è la pista, che pure mi piace molto” dice Alessandrini “ma è il mototurismo. Mi piace salire in moto, farmi tanti chilometri, e andare a scoprire le strade. Quelle belle, che non si conoscono, piene di curve, svelando il territorio che nascondono.”

20.000 Pieghe

Dalla profonda conoscenza del territorio italiano nasce la 20.000 Pieghe, raid mototuristico di regolarità dove il territorio e la sua enogastronomia ben si sposano con i circa 1100 chilometri di tracciati da vivere nei tre giorni di manifestazione. Ogni anno una nuova regione da scoprire e nuove amicizie da stringere.

C’è una sana competizione agonistica, il titolo di “Magnifico Piegatore” fa gola a tanti dei massimo 150 partecipanti, ma non si corre.

Alla 20.000 Pieghe possono partecipare tutti e con qualsiasi tipo di moto (da 125 cmq in su) e non serve essere dei professionisti, basta amare andare in moto.

Novità 2022 è il proporre una versione “short one day” per i motociclisti che vogliono assaggiare l’ esperienza e capire di quale tipo di motociclismo è fatto questo evento.

Eventi. Non solo asfalto: 1000 Sassi

Daniele ci racconta che ultimamente ha iniziato a scoprire anche le strade non asfaltate, e gli sono piaciute così tanto che (manco a dirlo) si è inventato la 1000 Sassi. La voglia di far star bene gli appassionati, di farli divertire, ha creato questo evento di moto turismo adventouring non competitivo sulle strade sterrate più belle e panoramiche d’ Italia.

Una contraddizione visto l’ ultimo DM del 28 ottobre 2021 che sembra mettere uno stop all’ off road? Per Daniele no, perché “il nostro piacere (ndr dell’ andare in moto) non può essere anteposto al rispetto. Nei nostri briefing dico sempre andiamo, divertiamoci ma comportiamoci bene. Così veniamo rispettati e non creiamo una cattiva percezione del motociclismo”.

Questa è la seconda edizione proposta dopo l’ ottimo riscontro ottenuto lo scorso anno. Daniele si fa aiutare da tanti appassionati sul territorio per creare i percorsi, e nel 2022 si partirà dalla Piazza Grande di Arezzo con cena sotto le logge del Vasari.

Una cornice di tutto rispetto che impreziosisce i circa 740 chilometri che si percorreranno. Il tutto, come sempre negli eventi proposti da Daniele, accompagnato da un’ organizzazione impeccabile.

Collaborazione e organizzazione

Lo staff del Motolampeggio, una ventina di persone circa durante le giornate clou,  si occupa di tutto. Dall’ hospitality alla burocrazia, dai permessi sul territorio fino alle staffette sul percorso ed al predisporre il servizio di assistenza sanitaria in accompagnamento (alla 1000 sassi ci saranno ambulanze 4×4 in accompagnamento per ogni evenienza).

La macchina dello staff non si ferma mai per far vivere al 100% ai 310 partecipanti un’ esperienza completa.

Eventi. Aprite il calendario

L’inventiva senza fine di Daniele ha creato questi grandi eventi che non possono mancare nel curriculum in sella degli appassionati. E siamo certi che Alessandrini saprà stupirci anche in futuro.

Nel mentre ci attende ai suoi eventi, con un invito speciale rivolto specialmente alle motocicliste.

Perché, come ci dice, le donne che vengono in moto sono bravissime e non seconde a nessuno, sono esseri fortissimi e possono guidare come gli uomini se non che meglio. La loro partecipazione migliora le nostre manifestazioni”.

Appuntamento dal 25 al 28 maggio in Toscana per la 1.000 Sassi .

Dal 22 al 25 giugno per la 20.000 Pieghe in Lazio, Abruzzo e Molise.

 

© 2022, MBEditore - TPFF srl. Riproduzione riservata.


Vuoi saperne di più? Di' la tua!

SCRIVICI

    acconsento al trattamento dei dati presenti nel form di contatto