Motospia

Moto ferma, assicurazione obbligatoria La Comunità Europea cede alle lobby delle assicurazioni e ci obbliga a recepire la norma che prevede l'obbligo di assicurazione RC tutto l'anno, un'altra tegola sui motociclisti....

Moto ferma, dal 2023 scatterà l’obbligo dell’ RC anche se non in uso.

Brutte notizie sul fronte delle spese: dal 2023 scatterà l’ obbligo anche in Italia di tenere assicurati anche i mezzi (compresa la moto) non in uso.

Oggi la normativa Italiana prevede che, se il mezzo è posteggiato in un’ area pubblica, deve essere obbligatoriamente assicurato.

L’ obbligo vale anche se impossibilitato a muoversi. Questo vincolo non esiste per mezzi fermi in aree private, quali ad esempio garage, box e cortili.

Ora cambierà tutto

Con la nuova direttiva europea 2009/103 per molti motociclisti, abituati ad usufruire della sospensione polizza particolarmente durante il fermo invernale, cambierà molto.

La Corte Europea di Giustizia era da tempo che ribadiva la necessità di questo obbligo: se il mezzo, moto compresa, è utilizzabile come mezzo di trasporto, deve avere copertura assicurativa.

In altre parole: a meno che la vostra moto non sia ferma perché impossibilitata a circolare,  a causa ad esempio di un guasto, l’ assicurazione non sarà più sospendibile.

Non è ancora dato sapere come si dovrebbe notificare alle compagnie assicurative questa impossibilità. E neppure come le compagnie potrebbero verificare la veridicità delle comunicazioni sul fermo dei mezzi.

Novità antipatica

Certo è però che questa notizia non fa piacere né a noi motociclisti né, in numero minore, agli automobilisti.

La decisione presa in questi giorni diverrà effettiva tra 24 mesi:  questo è il tempo normativo necessario perché una legge europea venga recepita ed accolta da ogni Stato membro.

Assoutenti ha affermato che questa normativa è “un regalo alle compagnie assicurative”. il presidente di Assoutenti Furio Truzzi ha anche detto:” l’Europa cede alla lobby delle assicurazioni, poiché tale misura porterà nuovi introiti nelle casse delle imprese, che già si sono arricchite grazie al blocco della circolazione registrato durante le fasi calde dell’emergenza Covid.”

Cosa succederà?

Da primi ragionamenti sembra che, a parte i guasti, si potrà sospendere l’assicurazione solo con moto ferma perché priva di motore o ruote. E qui già ci immaginiamo una pletora di motociclisti che ad ogni inverno smonteranno pezzi del proprio mezzo pur di poter bloccare l’ RC.

Perché a conti fatti questa norma comporterà un aumento di spesa non indifferente nelle tasche degli appassionati. E ne risentiranno soprattutto coloro che per vari motivi non possono o non vogliono usufruire del mezzo per tutto l’ anno.

Vuoi saperne di più? Di' la tua!

SCRIVICI

    acconsento al trattamento dei dati presenti nel form di contatto